Contattaci

 

Strategie SEM per le startup, servono o no?

sem

Strategie SEM per le startup, servono o no?

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInEmail this to someone
Download PDF

Cosa deve fare una impresa startup che cerca di emergere nel mercato globale?

Mi riferisco soprattutto al fenomeno economico più attivo e discusso degli ultimi anni: le startup.
Attivo perché ha parzialmente rinnovato il mercato mondiale.  Discusso perchè non è sempre facile spingerle al passo successivo:  lo scale up.

SEM

 

Conviene alle startup investire sul Search Marketing – SEM per il proprio sito per affrontare la concorrenza?

Per strategie SEM si intendono le attività di web marketing a pagamento, per rendere il  sito visibile e rintracciabile  nel web attraverso i motori di ricerca.
Non c’è una sola strategia SEM, ma spesso dipende dagli obbiettivi specifici che si cerca di raggiungere. L’importante è poter misurarne il ROI (return on investiment) con strumenti specifici di web analysis.

Conviene o no investire in questo senso?  Le startup sono per definizione aziende gestite da under 40enni con budget non eccessivi.
Scegliere il SEM è un investimento che va ponderato, ma che alla lunga può far accelerare sulla concorrenza in modo tangibile.

L’acquisto di traffico attraverso gli elenchi di ricerca a pagamento, può davvero fare la differenza, ma la strategia SEM deve essere
accompagnata da almeno 3 elementi da includere nel sito web.

Questi:

  • Chiarezza sull’oggetto principale dell’azienda.  Fornisci un prodotto o un servizio?  Se non è chiaro dopo pochi secondi la pagina sarà abbandonata.
  • Localizzazione e facilità di contatto.  Se il sito mostra chiaramente la geo-map e i modi per raggiungere l’azienda, sia fisicamente che telefonicamente,
    la strategia SEM avrà più percentuale di successo.  Questo perchè i motori di ricerca cercano sempre di più di dividere i risultati di ricerca anche in base all’area
    geografica di provenienza, così da fornire più opzioni vicine agli utenti di quella zona.
  • Call to action.  Last but not least, per definizione la startup da’ l’idea di un ambiente dinamico e pro-attivo. Invitare ad avvicinarsi, scaricando un ebook
    o facendo anche solo iscrivere alla newsletter, rappresentano un elemento cruciale per la creazione di un lead.

 

 

Download PDF
The following two tabs change content below.
Blog Content Manager and Editor. Ho lavorato come giornalista presso le redazioni de Il Denaro, del Corriere del Mezzogiorno e ho avuto un'esperienza all'Ansa Esteri. Ho co-fondato e diretto il sito Campaniasuweb.it. In ambito ufficio stampa, ho lavorato cinque anni a Philadelphia, USA, come Public relations specialist. English Guest blogger per l'acceleratore americano Bridges to Italy. Copy writer su diversi siti online.
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInEmail this to someone
Nessun commento

Lascia un commento