Contattaci

 

Instagram, come accelerare la Marketing Strategy

instagram

Instagram, come accelerare la Marketing Strategy

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInEmail this to someone

 Instagram: una piattaforma in continua espansione: 250 milioni di persone al giorno partecipano alle stories del Social Media, come ha annunciato lo stesso Zuckerberg su Facebook in questo screenshot

 

 

instagram

Fonte Zuckerberg – Facebook

 

 

Questo recentissimo dato, oltre che mostrare il generale successo del Network di Zuckerberg, mostra una costante crescita

e sviluppo del social dedicato alle immagini, che deve spingere anche i più riluttanti a prenderlo in considerazione per le proprie

advertaising campaign.

 

Perchè Instagram?

 

Condividere è solo la parte finale. Preferire questo ad altro Social Network va scelto in base agli obbiettivi che vuoi raggiungere.

 

Ecco gli aspetti principali della scelta di questa piattaforma in chiave business

 

  • Esalta il tuo brand con immagini uniche e appealing
  • Cultura d’impresa: ecco dove lavoriamo, possibilità cioè di fare panoramica sul proprio ambient lavorativo
  • Creare fidelizzazione e nuovi clienti, con un uso costante e selettivo di hashtag e campagne a pagamento.

 

 

 

Evita campagne poco chiare o che non specificano il tuo settore

Ci sono molte campagne promozionali che tendono a distaccarsi dal proprio core business per cercare di attrarre utenti curiosi

e stuzzicati da questa idea.

Tuttavia, senza voler essere brusco, questa è una strategia che si possono permettere brand quali Nike, Coca Cola, Mastercard o simili.

Si parte da immagini accattivanti, si condivide un content che ispira curiosità e si spinge il cliente verso una landing page

che chiarifica il senso della proposta commerciale.

Chi invece ha un target inferiore, un’azienda di piccole-medie dimensioni, rischia di passare inosservato.  Mostra il tuo prodotto,

esalta il servizio che offri, magari con foto esemplificative e di impatto emotivo.  Rendi irripetibile con altri competitor l’esperienza che offri al cliente.

Magari utilizzando anche una GIF animata.

 

 

 

 

Timing e temi

Lavorando per image content bisogna tenere in conto diversi fattori, anche esterni.  Se gestisci un B&B, ad esempio, tieni conto

della stagionalità  per fare promozioni e offerte a cadenza periodica che siano legate, magari, a determinate festività o vacanze.

Che sia un piccolo borgo di montagna o una metropoli come Roma, Napoli o Firenze,

difficile non trovare in Italia un motivo di attrazione per possibili clienti che non sia anche a pochi km di distanza.

Dunque ingegno, fantasia e idee in azione.

Poi cerca di essere costante nella condivisione, perchè chi ti segue apprezza il dinamismo, mentre un utente che ti ha trovato grazie ad un hashtag può apprezzarti per lo stesso motivo.

 

La ri-condivisione 

Aspetto che si lega a quello precedente, in chiave di amplificazione della diffusione del brand.  

Il #repost su Instagram è sempre una grande vittoria per chi cerca visibilità in rete, perchè raggiunge due risultati con un unico gesto.

Avere l’apprezzamento di compie questa azione, che evidentemente ha considerato il tuo post talmente interessante da inserirlo sulla propria timeline.

E poi, motivo di maggiore gratificazione, la grande possibilità di aprirsi al mondo dei contatti di chi ti ha condiviso, con una media potenziale di 100-150 follower in su che possono entrare nel tuo mondo e diventare nuovi clienti.

 

Senza averli nemmeno contattato di persona con il rischio, sempre alle porte, di essere considerati come spam.

 

 

Utilizza gli strumenti messi a disposizione per il social

Da Boomerang a Cinemagraph, per creare GIF in motion, a Layout per fare un mosaico di foto diverse.

Se vuoi invece controllare chi segue o ti “defollowa” Crowdfire è un ottimo gestionale dedicato a questo.

E come fare con i fondamentali hashtag di richiamo e attira like?

Dal gestionale di Apple a Google Play di Android, ne puoi trovare moltissime:

TagsForLikes, SocialHashtags e Tagsagram, per menzionare i più diffusi in rete.

 

Contenuti scritti sulle foto, un aspetto importante

Capita mai di leggere didascalie talmente interessanti da quasi tralasciare la foto?  Ecco, senza arrivare a questo, non devi sottovalutare quanto la frase che accompagna la foto possa dare

maggiore impulso al successo del tuo post.  Parliamo di un social in cui l’aspetto di evasione o conoscenza di mondi diversi è cruciale.  Quindi cerca di far entrare nella tua realtà l’utente con

frasi ben costruite, non troppo tecniche, capaci di far condividere l’esperienza che proponi.

Anche gli hashtag qui diventano cruciali.  Va bene il copia-incolla dalla tua app preferita.  Però, tra i 30 e non di più che il network ti permette di condividere, cerca sempre di inserire

riferimenti diretti alla tua azienda, parole chiave che riportano al tuo specifico business e luoghi di interesse.

 

Geolocalizza i post

Un altro aspetto importante è legato alla possibilità di geo-mappare il tuo post.  Indicare dove sei è un lavoro di marketing SEO

all’interno della piattaforma, che aiuta gli utenti a trovarti più facilmente, localizzarti appunto e eventualmente sceglierti in base alla vicinanza del tuo hub di riferimento.

Rischi altrimenti di avere molti like per una foto ben settata e descritta, ma che l’utente non ti cerchi per acquistare

perchè non vede riferimenti geografici e magari considera la tua posizione distante dalla propria.  

E magari vive a pochi metri dalla tua azienda. Sarebbe un peccato no?

 

 

 

 

La tua Social Digital Strategy con Instagram va a rilento?   Contatta TOO LAB subito!

Potrebbe anche interessarti

The following two tabs change content below.
Blog Content Manager and Editor. Ho lavorato come giornalista presso le redazioni de Il Denaro, del Corriere del Mezzogiorno e ho avuto un'esperienza all'Ansa Esteri. Ho co-fondato e diretto il sito Campaniasuweb.it. In ambito ufficio stampa, ho lavorato cinque anni a Philadelphia, USA, come Public relations specialist. English Guest blogger per l'acceleratore americano Bridges to Italy. Copy writer su diversi siti online.
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInEmail this to someone
Nessun commento

Lascia un commento